Seleziona una pagina

Papua, ai confini dell’Indonesia

Cosa vedere a Papua tra paesaggi pittoreschi e tradizioni tribali

Ti accogliamo sull’isola più orientale dell’Indonesia, l’affascinante Papua, che ospita un’incredibile diversità di flora, fauna e tradizioni. La difficoltà dei collegamenti e l’arrivo relativamente tardivo del mondo esterno sull’isola, hanno contribuito a preservare la sua peculiarità biologica e culturale.
papua cosa vedere
Papua non è una meta per tutti, il viaggio non è economico ed è una continua sfida… Il resto ha solo aspetti positivi: il fascino della popolazione e delle culture tribali, la grandiosità dei suoi panorami e gli idilliaci paesaggi marini non potranno che stupirti.

ATTIVITÀ DA NON PERDERE

Bird-watching nel parco nazionale Wasur, habitat di oltre 350 specie di uccelli, di cui 80 endemiche dell’isola.

COSA VEDERE A PAPUA

La capitale Jayapura
Sorong
Villaggi tribali della valle di Baliem

VACANZE IN INDONESIA CONSIGLIA

Le splendide isole di Raja Ampat, ricoperte di vegetazione verde smeraldo e circondate da acque turchesi.

Dove si trova Papua

Papua, detta anche Nuova Guinea occidentale, è la parte indonesiana della Nuova Guinea, la seconda isola più grande del mondo. Si tratta dell’unico territorio indonesiano ad essere situato in Oceania, copre una superficie di 420.000 km² e la popolazione è di 4.300.000 abitanti.

Dal punto di vista amministrativo è suddivisa in 2 province autonome:

  • Papua occidentale (Papua Barat), con capoluogo Manokwari
  • Papua, con capoluogo Jayapura.

Sebbene gli idiomi locali siano centinaia – si stimano da 200 a oltre 700 dialetti nell’area – la lingua ufficiale è il bahasa Indonesia, come nel resto dell’arcipelago. La religione predominante è il cristianesimo, combinato spesso con pratiche e credenze tradizionali, seguito dall’islam.

Come arrivare a Papua e muoversi sull’isola

Non ci sono collegamenti diretti dall’Italia per Papua, è necessario fare scalo a Giacarta per poi spostarsi verso l’isola con un volo della durata di 4/5 ore, a seconda della destinazione.

Gli aeroporti a Papua sono due:
– Sentani a Jayapura (Papua), servito da Garuda, Wings Air/Lion Air e Batik Air
– Dominique Edward Osok a Sorong (Papua occidentale ), servito anche da Air Asia, oltre Garuda e Batik Air.

Non ti consigliamo di arrivare a Papua via mare. Sebbene i traghetti della compagnia Pelni effettuino i collegamenti da Giava, Borneo, Sulawesi e Molucche, il viaggio richiederebbe davvero troppo tempo, e puoi decisamente sfruttarlo in altro modo.

La combinazione di infrastrutture limitate e grandi distanze, rende Papua una destinazione turistica estremamente costosa. Il mezzo più semplice, a volte l’unico, per spostarsi tra i luoghi è la barca o l’aereo.

Quando andare a Papua: clima e stagionalità

L’isola di Papua gode di un clima equatoriale e sub-equatoriale, le temperature sono calde e costanti tutto l’anno. Le piogge si concentrano:
– tra dicembre e marzo nella parte orientale dell’isola (Jayapura);
– tra maggio e settembre nella zona occidentale (Sorong e Raja Ampat).
Il periodo migliore per andare a Papua è tra maggio e settembre se il tuo viaggio è concentrato a est. Se invece intendi visitare Raja Ampat, il periodo migliore è tra ottobre e aprile.

 

Temperature medie e precipitazioni a Jayapura

Giava quando andare

Quando andare a Papua mese per mese

giava mese per mese

Cosa vedere a Papua

Spesso scherziamo tra noi sul modo di dire “fuori dai sentieri battuti”, ma pensiamo davvero che sia stato coniato proprio per Papua: è la scelta ideale se stai pensando ad una viaggio avventuroso e ricco di scoperte.

Se ti stai chiedendo cosa vedere a Papua, abbiamo preparato una selezione di luoghi imperdibili. Come abbiamo già detto, il viaggio potrebbe sembrare dispendioso, soprattutto in termini di tempo, ma dopo che avrai visto Raja Ampat, ti renderai conto che ne vale assolutamente la pena.

Preparati ai paesaggi idilliaci degli altipiani papuani, alla biodiversità marina più sorprendente e ai sorrisi timidi della popolazione locale: la Papua indonesiana è pronta per essere esplorata

paesaggi Papua

I centri abitati e i villaggi della Papua indonesiana

Molto probabilmente la tua esperienza nelle città di Papua non sarà lunga, Jayapura, Merauke e Sorong sono infatti visitate solo perché fanno da “ponte” verso altre splendide e interessanti destinazioni.

Jayapura, la capitale di Papua Indonesia

Il principale centro abitato di Papua si chiama, dal 1968, Jayapura, deriva dal sanscrito e significa “città della vittoria”. In passato, sotto il dominio olandese, era stata chiamata Hollandia per diventare Kota Baru – città nuova – nel 1962 e Sukarnopura, l’anno successivo. Una storia curiosa per una città poco visitata, se non per spostarsi poi altrove, sull’isola.

Se dovessi decidere di fermarti a Jayapura, ti consigliamo di non perderti Base G Beach, un litorale di sabbia bianca, lungo 3 km, dove potrai fermarti anche per un picnic vista la presenza di numerosi tavolini in legno. Se invece hai voglia di scoprire la storia di questa parte dell’indonesia, puoi visitare il Museo Loka Budaya. Qui troverai esposti numerosi manufatti papuani, tra cui la migliore collezione di incisioni della tribù Asmat.

Baliem Valley, trekking nelle terre tribali di Papua

La valle di Baliem è la destinazione perfetta se vuoi entrare in contatto con la cultura tribale di Papua e vedere da vicino come vivono le tribù locali. Ti anticipiamo che non hanno cambiato molto il loro stile di vita, per cui, preparati a vedere davvero qualcosa di autentico e stupefacente.

I villaggi si raggiungono tramite percorsi di trekking immersi in uno splendido scenario di colline ricoperte da una fitta giungla e tortuosi sentieri di montagna. La nostra esperienza è stata notevole: la nostra guida ci è stata di supporto lungo tutto il tragitto e ci ha informati su quello che avremmo visto sapendo indirizzarci sui comportamenti da tenere. Ti consigliamo di organizzare il viaggio con un’agenzia locale così da non avere problemi e goderti il viaggio senza pensieri.

tradizioni tribali Papua

Merauke, la città più orientale dell’indonesia

Merauke segna la fine dell’arcipelago indonesiano a est, ed è principalmente conosciuta perché gli escursionisti del Parco nazionale Wasur fanno tappa qui. La città è abitata da una tribù, chiamata Marind, molto legata alle tradizioni. Nonostante ciò, i viaggiatori possono trovare le comodità e i servizi di un centro abitato moderno: alloggi, banche, mercati locali – dove ti consigliamo di fare una capatina – e ottimi ristoranti dove provare i piatti locali.

Sorong, ponte verso Raja Ampat

Sorong è la seconda città di Papua, per dimensione, e si trova all’estremità nord-occidentale dell’isola. È un porto trafficato, circondato da montagne, colline e foreste, che offrono uno splendido panorama.

Rispetto ad altre città della Papua indonesiana, Sorong è in rapida crescita, ma sono pochi i viaggiatori che restano più a lungo del necessario: si ha solo in mente di attendere la prossima barca che conduce verso le isole a largo della costa.

tradizioni tribali Papua

Cosa vedere a Papua

Isole Raja Ampat, il paradiso che non dimenticherai mai

Raja Ampat, in indonesiano significa “quattro re” e fa riferimento alle 4 isole principali dell’arcipelago – Misool, Salawati, Batanta e Waigeo -, che conta oltre 1500 isole.
Sicuramente ti sarà capitato di vedere le immagini di splendidi isolotti ricoperti di vegetazione verde smeraldo, circondati da acque trasparenti: già dalle foto ci si fa una vaga idea di quanto siano splendidi, e la voglia di visitarli diventa incontenibile.

Raja Ampat è un sogno per i subacquei: qui si trova il 75% delle specie di corallo del mondo e più di 1.400 varietà di pesci. Noi che lo abbiamo provato possiamo assicurarti che pare davvero di nuotare in un acquario.
Sebbene l’arcipelago sia un luogo remoto e un po’ scomodo da raggiungere, la distanza rappresenta per noi un punto di forza. Rimane difatti intoccato dallo sfrenato sviluppo turistico e per questo solo i veri amanti della natura lo raggiungono e se ne prendono cura: è un tesoro da preservare nel tempo.

tradizioni tribali Papua

Cosa vedere a Papua

Parco Nazionale Wasur, un po’ di Australia in Indonesia

A soli 13 km dalla città di Merauke, si estende il Wasur National Park con la sua varietà di habitat. Dalla savana, alle mangrovie, passando per la palude, quest’area è il luogo indicato per gli appassionati di natura e bird-watching.

Il parco è, infatti, l’habitat di oltre 350 specie di uccelli, di cui circa 80 sono endemiche dell’isola. Nel periodo da agosto a novembre, si può osservare l’arrivo degli uccelli migratori dall’Australia e dalla Nuova Zelanda: in migliaia tra cicogne grigie, pellicani, ibis e spatole reali si spostano in questa zona dell’Indonesia per sfuggire al freddo inverno dell’emisfero australe.

OGGI ANDIAMO A…

Costruisci il tuo viaggio su misura, scegliendo fra le tante mete imperdibili dell’arcipelago indonesiano. Dalle spiagge paradisiache di Lombok alle giungle selvagge del Borneo, dalle tradizioni antiche di Sumba o del Sulawesi alle terre vulcaniche di Giava o alle infinite risaie di Bali.

Non sai dove andare? Segui le tue passioni: leggi le nostre guide tematiche di approfondimento e scopri l’incredibile Indonesia.

Condividi questo articolo