Seleziona una pagina
L’arcipelago di Komodo è una delle destinazioni più strabilianti e incantevoli dell’Indonesia, non a caso è entrato a far parte dei siti patrimonio Unesco nel 1991. Famoso nel mondo perché è l’habitat naturale del drago di Komodo, il parco è un concentrato di paesaggi straordinari, spiagge idilliache e favolosi fondali ricchi di vita marina.

Il Parco Nazionale di Komodo dovrebbe essere una meta imperdibile della tua vacanza in Indonesia: la natura incredibile, le acque sicure e riparate e la vasta scelta di attività, lo rendono perfetto per ogni tipo di viaggiatore.

Dove si trova l’arcipelago di Komodo e come arrivare

L’arcipelago di Komodo si trova al centro dell’Indonesia ed è incastonato tra le isole Sumbawa e Flores.
Non ci sono voli diretti dall’Italia per arrivare a Komodo, dovrai fare scalo a Denpasar – Bali – o Jakarta – Giava – per poi spostarti a Labuan Bajo – Flores -.
Tra le compagnie aeree che effettuano i collegamenti domestici, consigliamo Garuda e Air Asia. Puoi scegliere anche tra Lion Air, Batik e Nam Air, ma riteniamo che le prime due opzioni offrano il miglior rapporto qualità/prezzo.

Komodo International Airport, l’aeroporto di Labuan Bajo, è operativo dal 2006 e nel 2015 ha visto l’inaugurazione di un nuovo terminal per accogliere un numero maggiore di passeggeri. Difatti, negli ultimi anni, Komodo è diventata una delle maggiori attrazioni dell’Indonesia e il governo centrale di Giacarta ha formalmente inserito l’arcipelago di Komodo tra gli 11 luoghi di interesse su cui sono in corso notevoli investimenti per migliorare l’accessibilità e permettere uno sviluppo del turismo internazionale.

Quando andare a Komodo

l clima in questa zona dell’Indonesia è di tipo tropicale e caratterizzato da due stagioni, una piovosa da dicembre a marzo e una secca da aprile a novembre. Le temperature minime oscillano tra 21°C e 25°C, le massime tra 32°C e 35°C. Le precipitazioni si concentrano durante la stagione umida ma, in linea generale, non sono intense.
Il periodo migliore per visitare l’arcipelago di Komodo è tra giugno e settembre quando le temperature sono calde ma non afose e, soprattutto, non ci sono piogge.

Periodo migliore per diving a Komodo

Le acque dell’arcipelago di Komodo sono note per le sue eccellenti condizioni di immersione e l’opportunità di avvistare le mante e i pesci Mola mola.

Il periodo migliore per vedere le mante è tra dicembre e febbraio quando la temperatura dell’acqua e la fioritura del plancton offrono la condizione ottimale per il loro arrivo e stazionamento. Durante la stagione umida, quindi, è più facile essere circondati da numerose mante, sebbene queste siano presenti tutto l’anno nell’area dell’arcipelago.
Tieni presente che le correnti potrebbero essere forti per cui consigliamo solo a divers esperti di immergersi.

quando andare a komodo
Per quanto riguarda i Mola mola, il mese in cui le probabilità di avvistarli sono alte è agosto, quando riaffiorano da acque più profonde per crogiolarsi al sole.

Arcipelago di Komodo: cosa vedere e cosa fare

L’arcipelago conta 29 isole di cui le maggiori sono Komodo, Padar e Rinca. L’intera area è stata resa parco nazionale il 6 marzo 1980 per salvaguardare il varano di Komodo; in seguito l’area protetta venne estesa al fine di includere altre specie animali, sia marine che terrestri. Difatti l’estensione del parco è di 1.733 kmq di cui solo un terzo di terraferma, a conferma dell’importanza dei fondali e della ricca biodiversità marina che caratterizza questa zona dell’Indonesia.

Esploriamo insieme l’arcipelago di Komodo, vediamo quali isole visitare e le attività che si possono fare. Tra snorkeling, trekking e incantevoli spiagge non avrai nessuna voglia di tornare a casa.

Komodo e Rinca, le isole dei draghi

L’isola di Komodo è uno dei due unici posti al mondo in cui è possibile vedere i mastodontici varani endemici nel loro habitat naturale – l’altro è la vicina Rinca -: un ottimo motivo per visitarla! Non capita tutti i giorni di calpestare lo stesso suolo dei più grandi sauri viventi e averli a breve distanza tanto da sentire il loro respiro.

Il trekking su Komodo e Rinca permette di scorgere anche altri animali selvatici in piena libertà, come i bufali d’acqua, i cervi di Timor, i simpatici cacatua ciuffogiallo e gli immancabili macachi grigi dalla coda lunga. Il paesaggio delle isole è caratterizzato da una savana aspra e tasche di vegetazione, e la salita sulle colline può essere un po’ faticosa ma offre una vista favolosa sull’arcipelago.

draghi Komodo Rinca

Drago di Komodo

I varani di Komodo non sono pericolosi per l’essere umano ma la loro dimensione – possono crescere fino a 70 kg e 3 metri di lunghezza – e la velocità con cui si muovono, potrebbero spaventare chiunque. Non pensare di avventurarti senza accompagnamento, potrebbe essere pericoloso. Esplorare l’isola con un ranger del parco al tuo fianco rende tutto semplice e sicuro: ti verrà indicato il percorso da seguire per incontrare i draghi e ti verranno date le giuste indicazioni sul comportamento da tenere in loro presenza.

Pink Beach

La Pink Beach di Komodo è senza dubbio la più famosa dell’arcipelago. I frammenti di corallo – ricchi di pigmenti rossi – combinati alla finissima sabbia bianca, conferiscono alla spiaggia una sfumatura unica.
L’acqua cristallina, splendente alla luce del sole, si infrange sulla battigia rosa creando un meraviglioso caleidoscopio di colori.
La spiaggia rosa è adagiata in una baia con una barriera corallina ricca di pesci colorati, un’ottima scelta per passare qualche ora di riposo e fare un po’ di snorkeling.

La Pink Beach dell'Arcipelago di Komodo è una delle spiagge più belle dell'Indonesia

Vuoi conoscere le altre?

Kanawa

Chi ha visitato Kanawa ne parla come di un luogo paradisiaco, e in effetti è proprio così.
L’isola è quasi interamente circondata da spiagge di sabbia bianca e fine e da una barriera corallina che offre una delle migliori esperienze di snorkeling dell’arcipelago.

Bidadari

L’isola di Bidadari è perfetta per concedersi un po’ di riposo tra le varie attività di trekking e snorkeling. Il paesaggio collinare e la splendida spiaggia di sabbia morbida, offrono lo scenario ideale per passare un paio di ore in totale relax. Direttamente dal litorale puoi immergerti per osservare l’ambiente sottomarino, animato da tanti pesci colorati.

Kelor

L’isola di Kelor è la più tranquilla dell’arcipelago di Komodo: caratterizzata da paesaggi incontaminati, bellissime spiagge e mare calmo, risulta la scelta giusta per passare una giornata serena immersi nella natura. Sull’isola non ci sono strutture ricettive, ma puoi raggiungerla con un’escursione di giornata da Labuan Bajo, siamo certi che la sua serenità ti conquisterà.

Kalong

L’isola prende il nome dai suoi abitanti: Kalong significa “pipistrelli”. Queste creature vivono tra le mangrovie e nel pomeriggio si alzano in volo per andare alla ricerca di cibo.
Il momento ideale per visitare l’isola di Kalong è al tramonto quando il cielo viene invaso da centinaia di enormi pipistrelli: uno spettacolo straordinario!

Padar

Padar offre uno scenario unico: a nostro parere è l’isola più affascinante dell’arcipelago di Komodo.
Il paesaggio è caratterizzato da alte colline, scogliere che scendono a picco nell’oceano e baie turchesi con spiagge di sabbia di colore diverso – nera, bianca e rosa -.
L’isola è perfetta per essere esplorata: sebbene il trekking potrebbe risultare pesante, quando sarai in cima alla collina e il panorama incredibile di Padar si schiuderà davanti ai tuoi occhi, dimenticherai in un attimo la fatica fatta.

trekking isola Padar Komodo

Arcipelago di Komodo: dove dormire

Il villaggio di Labuan Bajo si trova all’estremità occidentale di Flores, proprio di fronte all’arcipelago di Komodo. Da qui partono le escursioni verso le isole, scegliere una sistemazione vicino la baia è la soluzione migliore. Il centro abitato è in continua evoluzione per offrire ai visitatori servizi e strutture adeguate e adatte ad ogni budget di spesa, ma non presenta attrazioni degne di nota.

Il miglior modo per esplorare l’arcipelago è a bordo di una barca. Ti consigliamo di organizzare una crociera di almeno 3 giorni e di dormire a bordo, così da poter fare un tour completo delle splendide isole e vivere un’esperienza indimenticabile.

cosa fare a flores
Condividi questo articolo